Campagna, addio.

AutoreMarco
Titolo: Campagna, addio.

Campagna, addio.

Fiorivan le ginestre,
poi il grano biondeggiava
da balconi e finestre.

La gente s’affacciava
ed era un bel vociar
di gente laboriosa.

Si tace ogni cosa,
non vale più il guardar
ven da ogni dove.

Il canto degli uccelli,
son partiti anche quelli,
più ormai si sente.

Muove solo è rimasto il vento
nella desolazione dove crescea il frumento.

La selva è a far furor.

Fin il ruscello s’è perso nel
folto di sterpaglie.

Solo il silenzio esiste
dove c’era la vita
nella sterpa infinita,
forse ancor il ciel triste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *