Vento di paura

Autore: Andreaandreamacr@libero.it
Titolo: Vento di paura

Il vento di paura incombe sul mare di grano,
alcune spighe dorate crollano piano piano,
è nato un disegno che sembra fatto da una mano:
lacrime che scivolano verso un sorriso sano.

Il vento della paura sta bussando alle porte,
non gli apro ma nuove fessure sono adesso sorte,
ed entra con violenza, prepotenza ed arroganza
e va a porre il suo accampamento dentro la mia stanza.

Il vento della paura va a fischiar tra i palazzi,
terrorizza la città come un insieme di pazzi,
corre per le strade, sbatte la testa alle finestre,
sento che la gelosia sta suonando in cento orchestre.

1 comment for “Vento di paura

  1. marilena
    27 maggio 2015 at 18:19

    la privavera è davvero anomala in tutti i sensi, anche noi con questo tmpo siamo volubili bravo Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *